LE FORZE ARMATE.

LE FORZE ARMATE

ESERCITO ITALIANO
MARINA MILITARE
ARMA DEI CARABINIERI
AERONAUTICA MILITARE
 
EMBLEMA DELL'ESERCITO ITALIANO
 
 L'EMBLEMA DELLA MARINA MILITARE

EMBLEMA DELL'ARONAUTICA MILITARE
 
EMBLEMA DELL'ARMA DEI CARABINIERI
 
 
le foto dal sito link: LA VOCE DEL MARINAIO
http://www.lavocedel
marinaio.com
/2010/05/l%e2%80%99araldica-delle-forze-armate-italiane/

LA BANDIERA DELLA MARINA MILITARE

 LA BANDIERA DELLA MARINA MILITARE

E' STATA ISTITUITA NEL  1947 E FORMATA DAL TRICOLORE CON AL CENTRO UNO SCUDO CON GLI STEMMI DELLE 4 REPUBBLICHE MARINARE (IN ORDINE DALLA PIU' ANTICA) VENEZIA, PISA, GENOVA E AMALFI  CON INTORNO UN BORDO TIPO CORDONCINO E  SORMONTATO DA UNA CORONA NAVALE ROMANA DORATI.

2011 ANNO RICCO DI NUMEROSI AVVENIMENTI

2011

ANNO RICCO DI TANTISSIMI AVVENIMENTI
 
1861/2011 FESTEGGIAMENTI PER 150° ANNIVERSARIO DELL'UNITA' D'ITALIA CONCOMITANTI CON IL 150° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA  DELLA MARINA MILITARE
1931/2011 NAVE AMERIGO VESPUCCI COMPIE 80 ANNI
1911/2011 CENTENARIO DELL'A.N.M.I ASSOCIAZIONE NAZIONALE MARINA D'ITALIA
1921/2011 90° ANNIVERSARIO DEL VIAGGIO DELLA SALMA DEL MILITE IGNOTO DA AQUILEIA A ROMA

2014-2018

2014-2018
Centenario della Grande Guerra
La Prima Guerra Mondiale ha inizio il 28  luglio 1914
e' termina 11 novembre 1918
La Prima Guerra Mondiale e' stato uno dei piu' sanguinosi conflitti dell'umanita', per l'Italia le vittime furono circa 650.000.
 

2018 CENTENARIO DELLA VITTORIA

 
2018
CENTENARIO DELLA VITTORIA
11 NOVEMBRE 1918 FINE DELLA GRANDE GUERRA

NO ZINCHERIA A NOCIGLIA (LE)

30 giugno 2018
ATTUALITA'

NO ZINCHERIA A NOCIGLIA

IL 26 MAGGIO RIUNIONE A NOCIGLIA NELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO BARONALE PER LA FORMAZIONE DI UN COMITATO NO ZINCHERIA A NOCIGLIA.
 
MANIFESTO DEL COMUNE DI NOCIGLIA INCONTRO PUBBLICO 6 GIUGNO PALAZZO BARONALE
 
 
 
INVITO PERVENUTO A DOMICILIO
 
Il 26 maggio si e' costituito a Nociglia un Comitato spontaneo di cittadini finalizzato ad impedire la realizzazione di una Zincheria a Caldo, prevista nelle immediate vicinanze del Parco Agricolo Multifunzionale dei Paduli, in quanto industria insalubre potenzialmente dannosa per l'intero territorio dei Comuni delle Terre di Mezzo. Lo scopo del comitato è quello di promuovere ogni iniziativa utile e necessaria volta a tutelare l'ambiente, la salute e la qualità della vita dei cittadini, agendo in particolare attraverso campagne di sensibilizzazione dell'opinione pubblica e di tutti gli organi istituzionali che abbiano il potere di intervenire in maniera diretta o indiretta sulla questione.
Sabato 30 giugno dalle 15:00 alle 20:00 e Domenica 01 luglio dalle 09:00 alle 13:00 presso i locali del Castello Baronale di Nociglia il Comitato invita la Cittadinanza a prendere visione del progetto della futura zincheria, delle criticità connesse con tale installazione e per condividere idee e suggerimenti in merito alla problematica.
Per maggiori informazioni consulta il sito http://sites.google.com/site/nozincherianociglia/home o invia una e-mail all'indirizzo comitato.nozincheria.nociglia@gmail.com . Sarai costantemente informato sulle attività e iniziative intraprese anche nell'interesse di un equilibrato assetto del territorio, nel rispetto e nella salvaguardia dell'ambiente naturale e della salute dei cittadini.
 
Il Comitato #nozincheria Nociglia
 
 DI SEGUITO ARTICOLI DELLA PROBLEMATICA IN QUESTIONE DI ALCUNI GIORNALI ON-LINE E ARTICOLI SU QUOTIDIANI DELLA ZONA.
 

“Zincheria a caldo? No, grazie”: proteste e sit a Nociglia e nella zona circostante. Nato un comitato spontaneo

SU  http://www.piazzasalento.it/102939-102939
 

Nociglia non vuole la zincheria a caldo

http://www.ilgallo.it/cronaca/nociglia-non-vuole-la-zincheria-a-caldo/
 
 

No alla nuova zincheria a caldo, a Nociglia nasce il comitato contrario al progetto

SU http://www.poggiardosette.it/dettaglio.asp?id_dett=53604&id_rub=201
 

No alla nuova zincheria a caldo, a Nociglia nasce il comitato contrario al progetto

SU http://www.leccesette.it/dettaglio.asp?id_dett=53604&id_rub=130
 

No alla zincheria a caldo: per i cittadini di Nociglia è dannosa. E costituiscono un comitato -

https://taurisano.virgilio.it/notizielocali/no_alla_zincheria_a_caldo_per_i_cittadini_di_nociglia_dannosa_e_costituiscono_un_comitato_-55816233.html
 

No alla zincheria a caldo: per i cittadini di Nociglia è dannosa. E costituiscono un comitato

http://www.leccenews24.it/attualita/sit-in-protesta-nociglia-contro-costruzione-zincheria.htm
 
 
DALL'ASSOCIAZIONE TERRIKATE NOCIGLIA

In questi giorni siamo stati chiamati ad esprimerci sul tema della Zincheria che dovrebbe nascere a Nociglia.
Come per tutte le decisioni che riguardano la vita associativa di Terrikate abbiamo aperto un confronto interno, riscontrando che la maggior parte di noi si è detta contraria all’insediamento.
In verità questa presa di posizione non ci ha sorpreso affatto, è infatti abbastanza ovvio che un’associazione che promuove da sempre i valori della sostenibilità ambientale, tanto da realizzare diversi progetti di riforestazione in una zona come Nociglia Fontana recuperandola (non senza difficoltà) all’uso della collettività e che da diversi anni propone un modello di festa a impatto zero come Santu Donnu guardasse, quasi d’istinto, con grande sospetto ad un’attività che rischia di impattare pesantemente su un territorio già troppo provato.
Non siamo certamente degli esperti in materia e, ancora più convintamente, non abbiamo mai mischiato la nostra attività ad appartenenze politiche di qualsiasi livello che possano “inquadrarci” in uno schieramento, la nostra storia lo dimostra ampiamente.
Il bisogno che sentiamo ora è innanzitutto essere informati, come tutti i cittadini di Nociglia, di quelli che potrebbero essere i rischi di una zincheria per la salute e per l’ambiente, in modo da prendere una posizione, forse ancora più netta, ma certamente informata e basata su dati di fatto.
A questo proposito ci rendiamo disponibili da subito a portare la nostra esperienza e il nostro punto di vista in un incontro pubblico, in cui ci si possa confrontare anche sul modello di sviluppo che immaginiamo per il nostro territorio.
Ma una cosa la vogliamo dire con chiarezza fin da adesso, chiamando a testimone Santu Donnu nostro protettore, fra una zincheria e un piccolo miracolo che nasce dal basso come Nociglia Fontana noi abbiamo già scelto.

Associazione Culturale Terrikate Nociglia.

https://www.facebook.com/terrikate.nociglia/

 

SITO INTERNET DEL COMITATO NO ZINCHERIA  https://sites.google.com/site/nozincherianociglia/home/3_attivita-svolte

IMMAGINI
 
23 giugno 2018       
 Sit-in di protesa alla zona P.i.P. di Nociglia
 

LETTERA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

24 novembre 2017
ATTUALITA'

LETTERA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IN SEGUITO AL VIDEO RAP GIRATO AL SACRARIO MILITARE DI REDIPUGLIA

(Inviata il 15 novembre 2017)

 

 

Egregio Sig. Presidente della Repubblica, alcuni mesi fa, un "rapper" di nome  Justin Owusu ha girato un video al Sacrario Militare Redipuglia. Tale video è stato divulgato sui social da qualche giorno è riportato su alcuni giornali on-line. Dove risulta che canta e balla sulle Tombe dei nostri Caduti che io ritengo sacre e luogo di culto come lo sono tutti i Monumenti Ai Caduti. Chiedo rispettosamente un Suo alto intervento che faccia  chiarezza su quanto accaduto, e affinchè vengano presi seri provvedimenti riguardanti l'individuo in questione, valutando l'ipotesi di perseguire penalmente il soggetto per vilipendio applicando tutte le aggravanti del caso. Valutando altresi'  la possibilità di promuovere un' inchiesta che spieghi come sia potuto accadere e se sia stata data qualche autorizzazione in merito. Spero che lo Stato agisca rigorosamente e con durezza, non ci sono scusanti per un simile gesto. Certo di interpretare i sentimenti di sdegno e rabbia di tanti colleghi delle Forze Armate e Forze dell'Ordine in servizio e in quiescenza e tantissimi cittadini italiani (rabbia e sdegno manifestata sui social  e sulle pagine e gruppi da me gestiti),  per  tale gesto  sacrilego che ha oltraggiato i Gloriosi Resti di oltre 100.000 nostri Soldati Caduti durante la Prima Guerra Mondiale e che riposano nel Sacrario Militare Redipuglia. Sperando che tali cose non debbano mai accadere, e siano presi tutti gli accorgimenti perchè non accadano più,  invio distinti e rispettosi saluti.

Con osservanza e massimo ossequio.

 

F.to 1° M.llo (Marina Militare in congedo.) Fernando Antonio Toma

  

sito internet/gruppi/pagine

 https://www.facebook.com/FAN.DI.MARINA.MILITARE/

https://www.facebook.com/ASS.NAZSOTTUFFICIALIDI.ITALIA/

https://www.facebook.com/groups/lanostrabandiera/

http://www.fernandoantoniotoma.ilmiosito.net/ MARINAI D'ITALIA - PATRIA E ONORE

 

Foto da facebook: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10210145171015392&set=a.1484245715745.2068019.1521934557&type=3&theater

RADUNO NAVE TITANO

28 maggio 2015
ATTUALITA'

QUELLI DI NAVE TITANO  A ROMA 29-30-31 MAGGIO 2015

Evento su facebook: https://www.facebook.com/events/1534562463474980/
 
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1031045386909027&set=gm.1534563410141552&type=1&theater
 
 
 
 

CADUTI ITALIANI NELLE MISSIONI INTERNAZIONALI DI PACE 1950-2013

27 gennaio 2015
ATTUALITA'

OMAGGIO AI CADUTI NELLE MISSIONI MILITARI INTERNAZIONALI DI PACE DAL 1950 AL 2014 

Ripropongo un link del Sito Ufficiale del MInistero della Difesa del 23 dicembre 2014
PAGINA DEDICATA AI CADUTI ITALIANI NELLE MISSIONI MILITARI INTERNAZIONALI DI PACE

Roma 23 dicembre 2014
Il sito della Difesa dedica questa pagina ai Caduti italiani nelle Missioni Militari Internazionali di Pace

Un omaggio per coloro che, al servizio dell'Italia e della comunità internazionale, hanno perso la vita per la stabilizzazione delle aree di crisi e nel contrasto al terrorismo, a partire dal 1950 durante la missione ONU in Eritrea fino al 2013 in Kosovo

A ogni singolo Caduto nelle Missioni Militari Internazionali di Pace abbiamo dedicato una pagina:

AIELLO Antonino, ANTONUCCI Gerardo, ARINGHIERI Roberto, BACCARO Pasquale, BATTAGLIA Concetto Gaetano, BECI Marco, BETTI Marco, BIONDINI Massimiliano, BRAJ Manuele, BRIGANTI Marco, BRUNO Giovanni, BRUNO Massimiliano, BUCCI Riccardo, BUTTAGLIERI Giuseppe, CALIPARI Nicola, CALLEGARO Marco, CALO' Carmine, CARDELLA Vincenzo, CARLINO Cosimo, CAROPPO Alessandro, CARRISI Alessandro, CARROZZA Tommaso, CASAGRANDE Davide, CAVAGNERO Giuseppe, CAVALLARO Giovanni, CELLI Sergio, CERZA Carmine, CHIEROTTI Tiziano, CIARDELLI Nicola, CIORBA Adriano, CIRILLO Marco, COLA Simone, COLAZZO Antonio Pietro, COLETTA Giuseppe, CONGIU Cristiano, CUOMO Roberto, CURRO' Francesco, D'AMICIS Daniele, D'AURIA Lorenzo, DE CILLIS Pier Davide, DE LUCA Onorio, DE MARCO Matteo, DE RISI Giovanni, DE TRIZIO Carlo, DI GIOVANNI Filippo, DI LEGGE Massimo, DI LISIO Alessandro, DI SARRA Marco, DRAGANO Pasquale, FABI Armando, FELE Nicola, FENOGLIETTI Ermanno, FERRARO Emanuele, FICUCIELLO Massimo, FILIPPA Andrea, FIORETTI Giuseppe, FIORITO Manuel, FOCCIA' Angelo, FONDI Tommaso, FORCUCCI Arnaldo, FORNER Daniel, FORTUNATO Antonio, FOSCI Luciano, FRASCA Mario, FRASSANITO Enrico, FREGOSI Enzo, GALLO Giovanni, GALLONI Marcello Joseph, GARBATI Giulio, GATTI Massimo, GHIONE Daniele, GHITTI Ivan, GIGLI Mauro, GIORGI Dario, GONELLI Giorgio, INTRAVAIA Domenico, LA BANCA Antonio, LA ROSA Giuseppe, LAMPONI Mario, LANGELLA Giorgio, LATTANZIO Franco, LAZZARESCHI Lorenzo, LAZZARO Giuseppe, LI CAUSI Vincenzo, LIGUORI Carlo, LIMA Giuseppe, LUINETTI Maria Cristina, MAJORANA Horacio, MAMONE Antonio, MANCA Gianmarco, MANCINELLI Gionata, MARCACCI Martano, MARCHINI Roberto, MARRACINO Salvatore, MATTA Marco, MERLINO Filippo, MESSINEO Francesco Paolo, MILLEVOI Andrea, MIOTTO Matteo, MONTAGNA Fabio, MONTESI Filippo, MUREDDU Matteo, MUSCELLA Andrea, NARDONE Luigi, NASINI Fabrizio, NATALE Silvano, NIGRO Dino Paolo, NISI Elio, OLIVIERI Carlo, OLLA Silvio, ORLANDO Giuseppe, PADULA Michele, PAGA Francesco, PALADINI Daniele, PAOLICCHI Stefano, PARISI Giuseppe, PARMEGGIANI Amedeo, PASCAZIO Luigi, PEDONE Marco, PETRUCCI Pietro, PETRUCCI Roberto, PEZZULO Giovanni, PIBIRI Alessandro, PISTONAMI Giandomenico, POLSINELLI Luca, PONZIANO Rosario, POSITANO Francesco, POSSENTI Silvestro, QUADRINI Italo, QUADRUMANI Nazzareno, RAGAZZI Alfio, RAMACCI Fiorenzo, RAMADU' Massimiliano, RANDINO Massimiliano, RANZANI Massimo, REMOTTI F. Paolo, RICCARDO Umberto, RICCHIUTO Davide, RICCI Mauro, RIGHETTI Giorgio, RIGLIACO Marco, ROLLA Stefano, ROMANI Alessandro, RUGGE Stefano, RUZZI Giulio, SAGLIMBENI Giuseppe, SALACONE Flavio, SANFILIPPO Michele, SANNA Luca, SEMPRONI Pio, SGRO' Antonino, SILVESTRI Michele, SORU Raffaele, SPARTA Antonio, STABILE Salvatore, STIGLIANI Nicola, STRAMBELLI Giovanni, TARANTINO Antonio, TOBINI Davide, TRINCONE Alfonso, TUCCILLO Gaetano, UTZERI Samuele, VAIRA Diego, VALENTE Luca, VALENTE Roberto, VANNOZZI Francesco, VANZAN Matteo, VELARDI Giuliano, VENTURINI Enzo, VIANINI Bruno, VILLE Sebastiano, VISIOLI Rossano, VITALIANO Massimo.

dal sito Ufficiale del MINISTERO DELLA DIFESA:   http://www.difesa.it/Primo_Piano/Pagine/caduti_missioni_militari_pace.aspx
 

PER NON DIMENTICARE

IOSTOCONIMARO'

23 novembre 2014
ATTUALITA'
Evento creato su facebook a favore dei nostri due Fucilieri della Brigata Marina San Marco (https://www.facebook.com/events/527628090714800/?source=1&sid_reminder=8222814385404379136)
sulla foto dell'evento riporta: Fotografia elaborata da Alessandra Laguzzi del Gruppo "Ridateci i nostri Leoni.
 

#iostoconimarò
Candele e Lettere di Natale per Max e Salvo

Siamo i 1500 dell’Evento " MILLE MONGOLFIERE PER MASSIMILIANO E SALVATORE ".

Non spetta a noi LIBERARLI, il nostro compito è quello di tenere accesi i riflettori su questa ingiustizia, in Italia e in tutto il mondo. Non siamo legati a nessun partito e a nessuna testata giornalistica.

Manca poco più di un mese al Santo Natale e ormai la triste ricorrenza dei MILLE GIORNI di assurda e ingiustificata negazione di VERITA’, GIUSTIZIA e LIBERTA’ per Massimiliano Latorre e Salvatore Girone è stata superata.
Siamo a proporvi un nuovo Evento cui tutti saremo in grado di collaborare come in quello appena svolto.

Condividi l’Evento e invita i tuoi contatti
Questo è il primo punto ed è il più importante.

Dobbiamo invitare più gente possibile e copiare e incollare il Link dell’Evento nelle Pagine delle testate dei giornali, dei politici, delle persone in vista…….

Dobbiamo invitare tutti i nostri contatti, anche quelli a cui pensiamo non possa interessare questa iniziativa.

Scrivi un articolo
I Blogger de LA VERA ITALIA mettono a disposizione di tutti il Blog e chiunque può proporre un articolo da pubblicare. Le modalità sono molto semplici: scrivete un post qui nell’evento, con un titolo e a fianco di esso tra parentesi scrivete (La Vera Italia). Formulate il vostro articolo, firmatelo e se volete metteteci un immagine. Se prendete informazioni in qualche articolo già scritto, riportate sempre la fonte. La pubblicazione sarà immediata e metteremo un commento nel vostro post con il Link del vostro articolo pubblicato.
OGNUNO E' RESPONSABILE DI QUELLO CHE SCRIVE noi metteremo come Fonte il vostro indirizzo di Facebook. Il tema che noi proponiamo è questo: LETTERA A BABBO NATALE PER LA LIBERAZIONE DI MASSIMILIANO E SALVATORE, ma ognuno è libero di esprimersi e di scrivere ciò che vuole e indirizzare il suo articolo a chi vuole. Libertà di pensiero e di opinione non sono perseguibili per legge. Non pubblicheremo articoli che inneggiano alla violenza o a forme di razzismo o con linguaggio inadeguato. I referenti per questa iniziativa sono: Antonio Milella, Maurizio Tentor, Alfredo d'Ecclesia, Nicola Marenzi e Edoardo Medini.

Scriviamo ai giornali Indiani e alle Ambasciate
Per chi volesse, come già si fece in passato, scriveremo a tuttI i giornali indiani e italiani e alle Ambasciate per ottenere Salvatore Girone a casa per il Santo Natale. Basta una parola dell’Ambasciatore Mancini con la promessa del rientro per il 13 Gennaio 2015 che questa cosa può avverarsi. A breve pubblicheremo i vari indirizzi mail dove recapitare le lettere.

Tagga la foto con i nomi dei tuoi Amici.
Claudio Alibrandi ha già elaborato la Fotografia con le Candele di Natale da scaricare nel proprio dispositivo (cellulari, computer…..). Verrà pubblicata il giorno 21 Dicembre e si potra “taggare fino al 24 Dicembre a mezzanotte. Quello che dobbiamo fare ormai lo conosciamo; tagghiamo i nostri contatti e copiamo e incolliamo la Fotografia dappertutto. Diamoci una mano tutti insieme e aiutiamo i nuovi entrati in difficoltà.

Accendi una Candela la notte di Natale
La notte di Natale, come facemmo l’anno scorso , accendiamo una CANDELA sulle nostre finestre o nelle nostre case fotografiamola e postiamola nell' evento. Una candela rallegra gli animi e da fiamma all’amore perciò NOI la accenderemo per MASSIMILIANO E SALVATORE e per le loro FAMIGLIE.

SAREMO IN TANTISSIMI E OGNI NOSTRO SINGOLO GESTO SARA’ INDISPENSABILE PER TENERE ALTA L’ATTENZIONE SUI NOSTRI DUE FUCILIERI DI MARINA.

TUTTI INSIEME NESSUNO INDIETRO

Oggi più di ieri, domani più di oggi #iostoconimarò

 

NOCIGLIA ACCOGLIE LE RELIQUIE DEI SANTI MARTIRI DI OTRANTO

3 marzo 2014
ATTUALITA'

A NOCIGLIA DAL 2 AL 6 MARZO 2014

LE RELIQUIE DEI SANTI MARTIRI DI OTRANTO 

ANTONIO PRIMALDO E COMPAGNI

 
 
IERI 2 MARZO 2014 INTORNO ALLE ORE 18,00 L'ARRIVO A NOCIGLIA DEI SANTI MARTIRI DI OTRANTO
AL LARGO PERTINI - IL BENVENUTO DA DON ARCANGELO RUGGIERI A NOME DELLA PARROCCHIA E DEL SINDACO MASSIMO MARTELLA A NOME DELL'INTERA COMUNITA' NOCIGLIESE
 
FOTO DI: Peregrinatio diocesana dell'Urna con le Reliquie dei Santi Martiri di Otranto - Comune di Otranto.


L'11 ottobre scorso ha preso il via ad Otranto la peregrinazione diocesana delle Reliquie dei Santi Martiri di Otranto, Antonio Primaldo e Compagni, che si concluderà, sempre a Otranto, il 12 maggio 2014, primo anniversario della canonizzazione.
L'Urna con le Reliquie si fermerà in ogni singolo paese della Diocesi: 56 soste, 3-4 giorni per ciascun paese secondo un calendario predisposto.
 

"La preziosa Urna contenente alcuni resti mortali dei Santi Martiri, che hanno dato la vita per Gesù Cristo, percorrerà le strade della nostra Chiesa locale, incontrerà, come in una Visita Pastorale, ogni comunità per ricordare a tutti e a ciascuno, l'importanza e la necessità di "rendere ragione della speranza" che è in noi. I Santi Martiri di Otranto saranno per noi incoraggiamento a ricentrare la nostra vita in Gesù Cristo per diventare 'adulti nella fede' e testimoni del Risorto con la forza dell'Eucarestia popolo in cammino verso la santità".
Sac. Marcello Mangia

http://www.comune.otranto.le.it/ufficio-stampa/notizie/item/peregrinatio-diocesana-dell-urna-con-le-reliquie-dei-santi-martiri-di-otranto
 

AUGURI DI BUONE FESTE

21 dicembre 2013
ATTUALITA'
 

Carissimo maresciallo Toma,
A te, alla tua famiglia e a tutti gli amici del sito PATRIA E ONORE con la
cartolina allegata giungono i miei più cordiali auguri di Buone Feste.
Marino Miccoli

 
di Marino Miccoli
 
Un sincero grazie per l'amico e conterraneo Marino Miccoli, per gli auguri di buone feste che, a nome mio e di tutti gli amici che seguono il Sito "PATRIA E ONORE", ricambio con stima e affetto a Lui e famiglia.
L'augurio piu' bello e piu' gradito  per un marinaio e la recita della nostra Preghiera
"La Preghiera del Marinaio".

Autore della "Preghiera del marinaio" fu lo scrittore Antonio Fogazzaro, nato a Vicenza il 25 Marzo 1842. Fogazzaro la scrisse nel 1901, sollecitato dal vescovo di Cremona, Bonomelli, cui stava a cuore lo spirito religioso dei marinai.

Il comandante del “Giuseppe Garibaldi” Capitano di Vascello Cesari Agnelli, colpito dalle parole della preghiera del Fogazzaro, chiese e ottenne nel Marzo di quell’anno, dall'allora ministro della Marina, Ammiraglio Costantino Morin, l’autorizzazione a recitarla in navigazione prima dell’ammaina bandiera, quando l’equipaggio è schierato a poppa. Da allora tale consuetudine si diffuse rapidamente su tutte le navi della flotta, tanto che nel 1909 la “Preghiera Vespertina” era già comunemente conosciuta come “Preghiera del marinaio italiano” e ne era stata resa obbligatoria la lettura a bordo.

La “Preghiera del marinaio” viene attualmente letta, oltre che prima dell’ammaina bandiera in navigazione, anche al termine delle messe a bordo, nelle caserme e negli stabilimenti della marina e alla conclusione delle funzioni religiose celebrate in suffragio di marinai deceduti.

4 NOVEMBRE 2013

9 novembre 2013
ATTUALITA'

4 novembre 2013

Giorno dell'Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate

manifesto dal sito Ufficiale del Ministero della Difesa www.difesa.it

 

 

Il 4 novembre 1918 con l’entrata delle truppe italiane vittoriose a Trento e Trieste, dopo quasi tre anni e mezzo di combattimenti, si concludeva quella che allora venne definita la “Grande Guerra”.

Nella ricorrenza si celebra il “Giorno dell’Unità Nazionale” e “Giornata delle Forze Armate” per ricordare la data in cui andò a compimento il processo di unificazione nazionale che, iniziato in epoca risorgimentale, aveva portato alla proclamazione del Regno d’Italia il 17 marzo 1861.


 

SALVA ED ESALTA IL RE

10 maggio 2013
ATTUALITA'

“SALVA ED ESALTA IL RE”

Di Marino Miccoli

Stimato maresciallo Fernando Antonio Toma,

da tempo desideravo mettere per iscritto un episodio avvenuto nell’ultima guerra. Si tratta di un fatto che per la sua drammaticità mi è rimasto impresso nella mente e che anche mia madre ogni tanto ricorda.

Mi preme sottolineare che questo mio scritto ha il solo fine di tramandare, tramite la tua sensibilita', disponibilita' e passione per la Marina, attraverso il tuo meritevole sito PATRIA E ONORE, la narrazione di un fatto che, quando ero ancora un ragazzo, ho ascoltato piu' volte dalla viva voce di mio padre.

 

La Preghiera del Marinaio Italiano -  Regia Marina.

I Marinai della Regia Marina quando recitavano la Preghiera del Marinaio pregavano anche per la salvezza del Re: “...SALVA ED ESALTA IL RE” erano le parole dell' invocazione per la salvezza del Sovrano che ogni giorno quando si ammainava la Bandiera erano rivolte al Signore del cielo e dell'abisso. Sappiamo che con l'avvento della Repubblica (ovvero dal 1946) queste parole sono state cancellate, cosi' come e' scomparso lo stemma dei Savoia dal Tricolore. Inizialmente ho trattato di quel  particolare passo della Preghiera perche'  ritengo opportuno citarlo per fare una breve ma significativa premessa all'articolo che segue.

E’ il giorno 30 marzo 1941 e siamo ad Alessandria d’Egitto, la grande base della Mediterranean Fleet britannica situata sulla costa egiziana (allora colonia inglese).

foto del H.M.S. Defender (H16) e' uno dei Cacciatorpediniere inglesi che recuperarono i naugraghi  dopo la tragica notte di Capo Matapan.

I Marinai  italiani sopravvissuti al massacro avvenuto la tragica notte del 28 marzo 1941 in cui la I DIVISIONE Regi Incrociatori pesanti della nostra Marina fu quasi totalmente annientata a sud di CAPO MATAPAN, sono stati appena sbarcati dai cacciatorpediniere britannici che li hanno raccolti in mare diverse ore dopo l’affondamento delle loro Unità.

(foto di Capo Miccoli)

 

Gli italiani sono condotti in un campo di concentramento e i prigionieri vengono divisi: gli Ufficiali da una parte, i Sottufficiali e i Comuni dall’altra. In quest’ultimo numeroso gruppo vi è anche mio padre Antonio Miccoli che all’epoca, con il grado si maresciallo capo-cannoniere stereotelemetrista era imbarcato sul Regio Incrociatore FIUME.

I prigionieri italiani vengono allineati per essere nuovamente e questa volta più accuratamente perquisiti. Non si tratta di un controllo sommario come quello che era stato precedentemente effettuato, non appena avevano posato i piedi sulla coperta dei CC.T. britannici; questa volta sono attentamente perquisiti, uno per uno, dalle guardie del campo.

Infatti, dopo aver confermato le proprie generalità e in attesa di ricevere un numero di matricola, ogni singolo nuovo prigioniero è sottoposto ad una particolareggiata e minuziosa perquisizione, a mio padre venne assegnato dagli inglesi per la prigionia il numero di matricola 123415.

(Dichiarazione firmata agli alleati)  - (foto di Capo Miccoli e i suoi amici  del 1937)

 

Accanto a mio padre vi è un suo commilitone, la mia anziana madre ne ricorda ancora il cognome Elia (anch’egli maresciallo)  nonché carissimo amico in compagnia del quale il mio genitore, da naufrago, dopo l’avvenuto affondamento notturno dell’incrociatore Fiume, aveva trascorso le drammatiche e interminabili ore in attesa di essere soccorsi. Durante la perquisizione in una tasca di questo fraterno amico di mio padre, gli viene trovata una moneta recante l’aquila romana sul diritto e la testa del Re Vittorio Emanuele III sul rovescio.

La guardia inglese tenendo quella moneta sul palmo della mano pronuncia una frase offensiva del tipo: “questo è un re mezza cartuccia… sì, un piccolo re per una piccola nazione!” e manifestando tutto il suo disprezzo sputa sulla moneta. L’amico di mio padre con un balzo si scaglia su quella guardia e con due pugni lo scaraventa a terra. Un’altra guardia sopraggiunge e con il fucile recante la baionetta inastata colpisce una prima volta, al ventre, il sottufficiale italiano. Quando mio padre si avvede che il suo amico è colpito al ventre per una seconda volta dalla guardia inglese si getta sul secondino al fine di impedirgli di infierire con la baionetta. L’aver praticato un po’ di lotta consente a mio padre di stendere con una ginocchiata quella guardia che stramazza a terra tramortita. A cadere a terra privo di sensi subito dopo sarà proprio mio padre, colpito da una terza guardia sopraggiunta. Egli si risveglierà in infermeria e poi sarà recluso in isolamento per tre giorni, all’interno del campo di prigionia di Alessandria d’Egitto. Di quel suo fraterno amico e caro collega sottufficiale mio padre non ha avuto più alcuna notizia. Ricordo che egli non riusciva a concludere la narrazione di quel particolare episodio a causa della profonda commozione che il ricordo di quei drammatici momenti provocava in lui; quella volta che gli domandai quale fosse il nome di quel suo amico ucciso con due colpi di baionetta, egli preferiva non nominarlo e si allontanava.

Questo che ho appena narrato è soltanto uno dei fatti più drammatici vissuti da mio padre durante il suo lungo periodo di prigionia (5 anni e 2 mesi) in mano agli inglesi.

Una storia terribile e reale che ci fa comprendere quale assurda follia era e rimane sempre la guerra; è una vicenda che ci deve far riflettere sull’immenso valore costituto dalla pace tra le nazioni.

Marino Miccoli

Taranto 1947

 

LE SACRE SPOGLIE DI SAN GIUSEPPE DA COPERTINO

24 marzo 2013
ATTUALITA'
LE SACRE SPOGLIE DI SAN GIUSEPPE DA COPERTINO (LECCE)
350° ANNIVERSARIO DEL TRANSITO DEL SANTO DEI VOLI E DEL 385° ANNIVERSARIO DELLA SUA ORDINAZIONE SACERDOTALE AVVENUTA A POGGIARDO (LE) NEL 1628
 
 
IL MOMENTO DI ACCOGLIENZA ALL'ARRIVO A NOCIGLIA E SALUTO IN PIAZZA RUGGIERI
ALLE SACRE SPOGLIE DI SAN GIUSEPPE DA COPERTINO IL 22 MARZO 2013
 
 
 

RADUNO INTERNAZIONALE SMG

26 febbraio 2013
ATTUALITA'

20-24 maggio 2013

50° Raduno Internazionale

dei Sommergibilisti in Italia

 

INFORMAZIONI SU L'EVENTO: http://www.isa-italy-2013.com/wp-content/uploads/2012/03/Programma-ITA.pdf

TRAPIANTI D'ORGANO E LA CULTURA DELLA DONAZIONE

23 gennaio 2013
ATTUALITA'
"TRAPIANTI D'ORGANO E LA CULTURA DELLA DONAZIONE "
CAMPAGNA PROMOSSA DAL  MINISTERO DELLA DIFESA E DELLA SALUTE
http://www.difesa.it/Primo_Piano/Pagine/Celio_Seminario.aspx
 
L’evento, organizzato dall’Ispettorato Generale della Sanità Militare in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti e l’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule, si inserisce nell’ambito della campagna “Difendi la Patria. Dai Valore alla Vita”.

Dal 2009 al 2012 sono state circa tremila le adesione alla donazione d’organi da parte del personale della Difesa  (Esercito, Marina, Aeronautica  e Carabinieri). Una media di poco superiore a quella nazionale.

Il dato è stato reso noto in occasione del 2° Seminario di Formazione per il personale della Difesa “I trapianti d'organo e la cultura della donazione”, al quale ha preso parte, tra gli altri, il Consigliere del Ministro della Difesa per la Sanità Militare, Magg. Gen. Michele Anaclerio
 

Per attestare la propria volontà di assentire, in caso di decesso, all'espianto degli organi e tessuti a scopo di trapianto, è necessario scaricare, compilare e tenere con sè il modulo denominato "Carta del Donatore".

 Per scaricare la carta del donatore e la brochure iniziativa

vai al sito: http://www.difesa.it/Content/DifendiLaPatriaDaiValoreAllaVita/Pagine/default.aspx

Storia del Sommeergibile Ammiraglio Millo e deisuoi Marinai

26 maggio 2018
ATTUALITA'

STORIA DEL SOMMERGIBILE AMMIRAGLIO MILLO E DEI SUOI MARINAI

 CONFERENZA  LUNEDI' 4 GIUGNO 2018  A VILLA BERTELLI A FORTE DEI MARMI (LU)

Articolo inviato dallo staff: "Il Regio Sommergibile Ammiraglio Milo. 
dal sito: http://www.sommergibilemillo.it/conferenza-sulla-storia-del-millo-a-forte-dei-marmi/

« Presentazione del libro al Centro Sociale Fiorenzo Malpensa di San Lazzaro di Savena
Conferenza sulla storia del Millo a Forte dei Marmi

 



Lunedì 4 Giugno 2018, presso il la Villa Bertelli a Forte dei Marmi (LU), si terrà una nuova conferenza sulla storia del Regio Sommergibile Ammiraglio Millo e dei suoi marinai.

L’evento è stato organizzato dal Circolo Culturale Il Magazzino di Forte dei Marmi

PROGRAMMA:
- ore 18.00:
inizio conferenza a cura del dott. Piero Sant, facente parte del Gruppo Somm. Millo.
Saranno presenti gli autori del libro “Il ritrovamento del Regio Sommergibile Ammiraglio Millo” Francesco e Nazareno Storani e il giornalista Rai Mario Cobellini.

INFO:
http://www.circoloilmagazzino.it/
https://www.villabertelli.it/

Ancora una volta, anche se gli anni passano, abbiamo l’onore di raccontare la tragica vicenda del Millo e dei suoi marinai che, quel lontano 14 marzo 1942, hanno donato la vita per un ideale che si chiama Patria.

AUGURI DI BUONE FESTE 2015

19 dicembre 2015
ATTUALITA'

AUGURI

 

MOSTRA FOTOGRAFICA LA GRANDE GUERRA SUL MARE PALAZZO MARINA ROMA 24 MAG - 2 GIU

20 maggio 2015
ATTUALITA'
 
 

Dal 24 maggio al 2 giugno porte aperte a Palazzo Marina


In occasione del centenario della Grande Guerra, anche la Marina Militare partecipa alle iniziative per ricordare il conflitto mondiale.

Dopo il successo della due giorni di Open House Roma, in cui è stato registrato un alto flusso di visitatori, la sede centrale della Marina Militare si mostra ancora al pubblico.

Dal 24 maggio al 2 giugno, Palazzo Marina sarà eccezionalmente aperto negli orari 09:00-12:00 e 14:00-18:00 con ingresso gratuito. Le visite inizieranno alle ore intere.

Durante la visita del 24 maggio, alle ore 15.00 sarà osservato un minuto di silenzio inconcomitanza con il minuto di silenzio del Presidente della Repubblica presso la Zona Sacra del Monte San Michele (Gorizia), in memoria dei caduti della Prima Guerra Mondiale.

Oltre a visitare lo storico edificio progettato da Giulio Magni, nipote di Valadier, gli ospiti potranno vedere una mostra fotografica dal titolo "La Grande Guerra sul mare", e una curata dalla Ecopneus sul riciclo degli pneumatici.

Palazzo Marina è un imponente complesso che si estende per 31.000 mq, di cui 11.500 coperti. Il propileo d'ingresso, che si affaccia sul lungotevere, è arricchito dalle ancore di due corazzate austriache: la Viribus Unitis, affondata durante la Prima guerra mondiale, e la Tegetthoff, preda bellica consegnata all'Italia nel 1919 e smantellata nel 1925 a La Spezia.

Nella progettazione e realizzazione degli ambienti predomina la volontà di inserimento di elementi metaforici legati al mare come se l'intero palazzo dovesse essere il palcoscenico decorato della vita della Marina.

 

Foto, vedute del Palazzo Marina dal  sito ufficiale della Marina Militare http://www.marina.difesa.it/Notiziario-online/Pagine/20150514-open-day.aspx

 
 
 
 

AUGURI AL SITO PATRIA E ONORE DA MARINO MICCOLI

19 dicembre 2014
ATTUALITA'

 

Di Marino Miccoli

A te stimato maresciallo Fernando Antonio Toma e a tutti i visitatori del
pregevole sito PATRIA e ONORE giungono i miei più cordiali e marinareschi
auguri per un santo Natale e un felice 2015.
Marino Miccoli

IL DECALOGO DEI SUB

3 luglio 2014
ATTUALITA'

IL DECALOGO DEI SUB

3 MARZO 1977 SCIAGURA AEREA DEL MONTE SERRA

3 marzo 2014
ATTUALITA'

PER NON DIMENTICARE UNO DEI PIU' GRAVI LUTTI CHE ABBIA MAI COLPITO

L'ACCADEMIA NAVALE DELLA MARINA MILITARE

 

Accadde il 03 marzo 1977 Sciagura aerea del Monte Serra 

 

 

Trentotto allievi ufficiali della prima classe, un sottotenente di vascello, tre Ufficiali e due Sottufficiali dell'Aeronautica, accomunati da uno stesso implacabile destino, esprimono l'assurdo bilancio di uno dei più gravi lutti che abbia mai colpito l'Accademia Navale della Marina.

Quello del 3 marzo doveva essere un normale volo di ambientamento. Gli allievi erano entusiasti di questa esperienza che al termine della quarta classe avrebbe potuto portare alcuni di loro a una precisa scelta: frequentare i corsi di pilotaggio presso la Marina degli Stati Uniti.

Voli come quelli venivano effettuati da oltre vent'anni, ma una tragica fatalità ha voluto che proprio quel C130, il "Vega 10", si schiantasse sul Monte Serra, nelle vicinanze di Pisa.

 

LA MARINA MILITARE RICORDA: http://www.marina.difesa.it/storiacultura/storia/accaddeil/Pagine/SciaguraaereaMonteSerra.aspx

PRESEPE

18 dicembre 2013
ATTUALITA'
 

DOMENICA 22 DICEMBRE ORE 10,00

FARO S. CROCE AUGUSTA

IMMERSIONE DI POSA DEL PRESEPE SUL FONDO DEL MARE

 

 
 
 

CELEBRAZIONI DEL 4 NOVEMBRE 2013

3 novembre 2013
ATTUALITA'
4 NOVEMBRE 2013

“Giorno dell’Unità Nazionale” e “Giornata delle Forze Armate”

 
 
 

verso il 4 Novembre

Caserme e musei militari aperti, eventi celebrativi, concerti di Bande e Fanfare: sul nostro sito abbiamo pubblicato il programma delle manifestazioni organizzate in tutta Italia dal Ministero della Difesa, in occasione delle celebrazioni del 4 Novembre, “Giorno dell’Unità Nazionale” e “Giornata delle Forze Armate”


Il 4 novembre - “Giorno dell’Unità Nazionale” e “Giornata delle Forze Armate” - è stato storicamente celebrato con l’apertura delle caserme per consentire ai familiari, amici e cittadini di avvicinarsi ai militari.

Una consuetudine alla quale, nel corso degli anni, si sono aggiunte altre manifestazioni con l’obiettivo di avvicinare i cittadini al mondo della Difesa, ai valori che custodisce e rappresenta, e per far meglio comprendere il quotidiano sacrificio e la dedizione delle donne e degli uomini con le stellette.

Ecco perché alla cerimonia ufficiale - che prevede la deposizione di una corona di alloro al Sacello del Milite Ignoto presso l’Altare della Patria - in occasione del 4 novembre diverse città italiane ospiteranno eventi celebrativi, iniziative storico-museali, concerti delle Bande e delle Fanfare militari.

Lunedì 4 novembre, in particolare, saranno aperte al pubblico numerose caserme e diversi musei militari di tutte le regioni.



http://www.difesa.it/Primo_Piano/Pagine/4Novembre_programma.aspx

GLI 800 MARTIRI DI OTRANTO - CANONIZZAZIONE

6 maggio 2013
ATTUALITA'
12 MAGGIO 2013
CANONIZAZZIONE DI ANTONIO PRIMALDO E COMPAGNI
MARTIRI DI OTRANTO
 
Domenica Prossima 12 maggio giorno dell'Ascensione del Signore e' anche una giornata speciale per le nostre comunita' della terra d'Otranto e del Salento che ricorderanno particolarmente, la Canonizzazione degli 800 Martiri di Otranto "Antonio Primaldo e Compagni". Un evento tanto atteso da tempo immemorabile, da quel lontano 13 agosto del 1480 giorno in cui furono trucidati dai turchi per non aver voluto rinnegare la fede cristiana.

I nomi dei Martiri di Otranto sono scritti nei cieli.

Saranno proclamati Santi per la Chiesa universale il 12 maggio 2013.

 
Giovedì 20 dicemre 2012 il Santo Padre Benedetto XVI nell' Udienza privata con Sua Eminenza Reverendissima il Card. Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha autorizzato la Congregazione a promulgare il Decreto riguardante il miracolo, attribuito all'intercessione dei Beati Antonio Primaldo e Compagni, Martiri, uccisi il 13 agosto 1480 ad Otranto (Italia).
 

Breve nota storica sui Martiri Idruntini

 

Il 28 luglio 1480 la città di Otranto fu assediata dai turchi Ottomani che avevano organizzato una spedizione con circa 140 navi e 15.000 uomini; il 12 agosto 1480 la città cadde nelle mani degli invasori che la saccheggiarono e uccisero l’Arcivescovo Stefano, i canonici, diversi sacerdoti e numerosi fedeli riuniti nella Cattedrale. Il giorno seguente, il comandante dei Turchi, Gedik Achmed Pascià, ordinò che tutti gli uomini superstiti, circa 800 dai 15 anni in su, fossero costretti a rinnegare la fede cristiana. Antonio Primaldo, umile calzolaio o cimatore di panni, a nome di tutti i cristiani prigionieri dichiarò che “essi tenevano Gesù Cristo per il figlio di Dio e che piuttosto volevano mille volte morire che rinnegarlo e farsi turchi”; di fronte a questa risposta Achmed Pascià condannò a morte tutti gli 800 prigionieri: di alcuni fu tagliata la testa e di altri fu fatto a pezzi il corpo. Per un anno i corpi giacquero insepolti sul luogo del supplizio, dove vennero ritrovati dalle truppe inviate a liberare Otranto. Nel maggio 1481 i corpi dei martiri furono deposti nella vicina chiesa “al fonte della Minerva”; nel settembre 1481 furono traslati nella Cattedrale di Otranto e nel 1490, per ordine di Alfonso d’Aragona, molte salme furono trasportate a Napoli.

Antonio Primaldo e Compagni furono subito riconosciuti martiri dalla popolazione e la Chiesa Idruntina ogni anno, il 14 agosto, celebra devotamente la loro memoria. Il 14 dicembre 1771 fu emanato il Decreto di conferma del culto “ab immemorabili” tributato ai Martiri di Otranto. Nel 1980, in occasione del quinto centenario del martirio, furono organizzati solenni festeggiamenti, che si conclusero il 5 ottobre 1980 con una celebrazione presieduta da Papa Giovanni Paolo II a Otranto. Nel 1988 fu nominata dall’Arcivescovo di Otranto la Commissione Storica e negli anni 1991-1993 fu celebrata l’Inchiesta diocesana, riconosciuta valida dalla Congregazione delle Cause dei Santi con Decreto del 27 maggio 1994. Il 6 luglio 2007 Papa Benedetto XVI ha approvato il Decreto con cui si riconosceva che i Beati Antonio Primaldo e Compagni erano stati uccisi per la loro fedeltà a Cristo.

E, infine, giovedì 20 dicembre 2012, il Papa Benedetto XVI ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a pubblicare il Decreto riguardante un miracolo attribuito all’intercessione dei Martiri di Otranto Antonio Primaldo e Compagni. Si tratta della guarigione straordinaria di Suor Francesca Levote, monaca professa dell’Ordine di Santa Chiara, da “cancro endometrioide dell’ovaio sinistro con progressione metastatica sistemica (IV stadio) e grave compromissione dello stato generale”, avvenuta nel mese di maggio 1980.

La diagnosi era infausta. La guarigione è stata rapida, completa, duratura, non spiegabile scientificamente. Dio, perciò, concedendo il miracolo, ha ascoltato l’intercessione dei Beati Martiri, invocati dalle Sorelle povere di Santa Chiara del Monastero di Otranto.

DAL SITO DIOCESI DI OTRANTO http://www.webdiocesi.chiesacattolica.it
 
 

RADUNO EQUIPAGGI DRAGAMINE E CACCIAMINE

16 marzo 2013
ATTUALITA'

2° RADUNO NAZIONALE

EX EQUIPAGGI DRAGAMINE E CACCIAMINE

LIVORNO 29 GIUGNO 2013

Di Renato Ruffino

CONCORSI MARINA MILITARE

26 febbraio 2013
ATTUALITA'

SUPERATA LA SOGLIA DELLE 4000 DOMANDE

NELL'ACCADEMIA NAVALE DELLA MARINA MILITARE

Dal sito ufficiale della Marina Militare http://www.marina.difesa.it/Conosciamoci/Notizie/Pagine/20130226_concorso.aspx
 
 
Superata soglia '4000' per il concorso in Accademia Navale 
title_bottom

Più di 4000 domande per il futuro della Marina Militare: a poco meno di una settimana dalla scadenza del bando (il 28 febbraio) giovani aspiranti cadetti si candidano per le selezioni all’ingresso nell'Accademia Navale di Livorno.

Moltissime domande per 98 posti disponibili, sarà un percorso difficile e duro per chi aspira a indossare lo spadino e a diventare futuro comandante di uomini e mezzi.

Le selezioni che cominceranno in primavera continueranno fino all’ultima fase nell’estate (proprio in Accademia Navale) e i migliori 98 inizieranno la loro avventura a partire da settembre 2013.

In bocca al lupo... ...e vento in poppa.

 
https://concorsi.difesa.it/mm/accademia/2013/Pagine/home.aspx
 

AUGURI BUON ANNO

30 dicembre 2012
ATTUALITA'
 

IL SITO PATRIA E ONORE
www.fernandoantoniotoma.ilmiosito.net

AUGURA A TE E A TUTTE LE PERSONE A TE CARE UN FELICE  ANNO NUOVO 2013

RICCO DI GIOIA, PACE, SERENITA'  E CHE OGNI TUO DESIDERIO POSSA REALIZZARSI

 

REFERENTE AFEA PER LA PUGLIA

22 aprile 2018
ATTUALITA'

A.F.E.A. ASSOCIAZIONE FAMIGLIE ESPOSTI AMIANTO

ONLUS

NOMINA A REFERENTE A.F.E.A ONLUS PER LA REGIONE PUGLIA
Con una lettera di incarico in data 19.03.2018, ho avuto l'onore di essere nominato Referente per l'Associazione Famiglie Esposti Amianto Mario Barbieri Onlus. L'A.F.E.A. Onlus a sede in Santo Stefano di Magra (Sp.) via Cisa Sud n. 196, costituita con atto Notarile in data 21 settembre 2010, Repertorio n. 110678/20974, registrato a La Spezia il 1° ottobre 2010 al n. 5176. L'organizzazione di volontariato - denominata "ASSOCIAZIONE FAMIGLIE ESPOSTI AMIANTO MARIO BARBIERI" ed abbreviata con la sigla "A.F.E.A." Associazione volontaria, apartitica e aconfessionale e non persegue scopi di lucro.   (Finalità) 1. L'Associazione non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di tutela, valorizzazione e sicurezza ambientale con lo scopo di formare ed informare la collettività in materia di "amianto" incoraggiando la sua eliminazione secondo i canoni di sicurezza, bonifica e smaltimento dettati dalla vigente normativa.  2. Per perseguire tale obiettivo l'Associazione si propone di svolgere le seguenti attività: a) promuovere - verso le istituzioni Pubbliche o Private (Locali, Nazionali e internazionali) nonchè verso la popolazione in generale - opera di informazione e di sensibilizzazione sui problemi delle malattie causate dall'amianto e sui rischi associati a questo fenomeno; b) svolgere opera di educazione, informazione e formazione mirata verso le persone affette da malattie causate dall'amianto ed i familiari di queste; c) costituire un preliminare centro di ascolto e di formazione preventiva per le problematiche legali e sanitarie di tutti i soggetti vittime dell'amianto. E' fatto espresso divieto di svolgere attività diverse da quelle espressamente sopra menzionate ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse. d) l'organizzazione di volontariato opera su tutto il territorio della Repubblica Italiana. 
Attuale Presidente Nazionale è il Signor Pietro Serarcangeli.
 
SITO DELL'A.F.E.A. ONLUS http://afeaonlus.blogspot.it

MUSEO DELLE FORZE ARMATE A BOTRUGNO (LE)

29 maggio 2015
ATTUALITA'
di Aldo Micocci su facebook

 

INAUGURAZIONE MUSEO DELLE FORZE ARMATE

2 GIUGNO 2015 BOTRUGNO

 

BUONA PASQUA

3 aprile 2015
ATTUALITA'

AUGURI

19 dicembre 2014
ATTUALITA'
 
 
Di Giovanni Marras
 
da facebook: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10203119663727476&set=gm.10152835241266187&type=1&theater

"MARO' LIBERI"

27 giugno 2014
ATTUALITA'

VENERDI' 28 GIUGNO ORE 19

PIAZZA XX SETTEMBRE CASTEL SAN PIETRO TERME

MANIFESTAZIONE IN SOSTEGNO DEI NOSTRI DUE FUCILIERI

DELLA BRIGATA MARINA SAN MARCO

MASSIMILIANO LATORRE E SALVATORE GIRONE

da facebook

MARINAI DI UNA VOLTA

18 febbraio 2014
ATTUALITA'
 

MARINAI DI UNA VOLTA

 

foto di Carlo di Nitto

Presidente Gruppo A.N.M.I. di Gaeta

 
Proviamo ad immaginare i Marinai di una volta, le fatiche che dovevano sopportare, l'approvviggionamento del carbone e di viveri, lavare i ponti, tutto era manuale, non vi erano i moderni strumenti di navigazione di oggi. Tutto era affidato a vista, solo delle grosse carte nautiche e la bussola per poter tracciare una rotta, un timone per governare la nave, non c'erano previsioni in tempo reale via satellite sullo stato del mare. La navigazione era lenta quasi  sempre a vela, disormeggio, ormeggio, tutto era affidato all'occhio e all'esperienza fatta da tanti anni di navigazione in giro sui mari del mondo.
 

Marinai di una volta, Marinai di altri tempi.

 
 
 
 

GRAN GALA' DI BENEFICIENZA

12 dicembre 2013
ATTUALITA'

13 DICEMBRE 2013

GRAN GALA' DI BENEFICIENZA

A FAVORE DI LILLO SANTORO

DIAMO A LILLO UN'OPPORTUNITA' DI UNA VITA MIGLIORE

14 maggio 2013
ATTUALITA'

L'EQUIPE DEL CUORE ONLUS TI PORTA ALL'OLIMPICO


Anche quest’anno L’EQUIPE DEL CUORE TI PORTA ALL’OLIMPICO - DERBY DEI CAMPIONI DEL CUORE - 20 MAGGIO 2013 ore 20.30 – Roma

La Solidarietà scende ancora un volta in campo. L’Equipe del Cuore Onlus, insieme ad altre associazioni non solo del Lazio, organizza il Derby dei Campioni del Cuore allo stadio Olimpico di Roma.

 
 
 

NON PERDERE L'OCCASIONE DI UN EVENTO DI SOLIDARIETA'

COME QUESTO LA SOLIDARIETA' NON E' UN MONDO A PARTE,

AIUTACI AD AIUTARE

=============
 
 

DIAMO A LILLO UN'OPPORTUNITA' DI UNA VITA MIGLIORE

COSI' E' INTITOLATO IL GRUPPO SULA PIATTAFORMA SOCIALE DI FACEBOOK 
DEDICATO AL MARINAIO LILLO SANTORO " https://www.facebook.com/groups/371732679048/ "
 
 
DONA IL TUO 5 PER 1000 A LILLO E OSCAR LORO HANNO BISOGNO DEL TUO AIUTO
 
Lillo e Oscar e tanti altri hanno bisogno di cure continue e costose, hanno bisogno della tua solidarietà.

ALBINO DEIDDA MARINAIO DI ALTRI TEMPI

22 aprile 2013
ATTUALITA'

Sergente Nuotatore Paracadutista Albino Deidda

Si sono svolti venerdì scorso, a Iglesias (Cagliari), alla presenza del Comandante del Comando Militare Marittimo Autonomo in Sardegna, Ammiraglio di Divisione Eduardo Serra, i funerali del Sergente Nuotatore Paracadutista Albino Deidda, di 92 anni, Medaglia di Bronzo al Valor Militare.

Il Sergente nocchiere di porto Deidda aveva fatto parte, durante il secondo conflitto mondiale, dei Reparti Speciali inquadrati nella Divisione San Marco, creati per effettuare azioni di sabotaggio oltre le linee nemiche.

Fu proprio durante una di queste azioni in territorio tunisino che, il 3 luglio 1943, il Sergente Deidda dimostrò grande coraggio e valore: nel corso di una missione operativa che aveva lo scopo di distruggere alcune linee di telecomunicazione britanniche, al culmine di un avvicinamento durato tre giorni, la sua squadra fu scoperta ed egli attirò su di se l’attenzione dei difensori, consentendo così ai propri compagni di portare a termine il compito assegnato. Il 10 giugno 1947, con Decreto del Capo dello Stato, gli venne attribuita la Medaglia di Bronzo al Valor Militare.

 

Articolo sul sito della Marina Militare http://www.marina.difesa.it/Conosciamoci/Notizie/Pagine/20130422_deidda.aspx

OPEN DAY

15 marzo 2013
ATTUALITA'

"OPEN DAY"

SCUOLA NAVALE MILITARE "FRANCESCO MOROSINI" VENEZIA

 
Evento riportato sul sito ufficiale della Marina Militare: http://www.marina.difesa.it/formazione/istituti
/morosini/Pagine/default.aspx
Evento e foto riportato su facebook:  https://www.facebook.com/events/497288843666656/permalink/497288846999989/

I MARO' RITORNANO A CASA PER 4 SETTIMANE

22 febbraio 2013
ATTUALITA'

Marò, corte suprema NEW DELHI concede permesso 4 settimane

I NOSTRI DUE FUCILIERI DEL REGGIMENTO SAN MARCO MASSIMILIANO LATORRE E SALVATORE GIRONE POTRANNO RIENTRARE IN ITALIA PER 4 SETTIMANE E ESERCITARE IL DIRITTO DI VOTO
NOTIZIA FLASH RIPORTATA ANCHE SU ANSA
  http://www.ansa.it/web/index_refresh_ce.html

AUGURI

22 dicembre 2012
ATTUALITA'

IL SITO PATRIA E ONORE

www.fernandoantoniotoma.ilmiosito.net

AUGURA

A TUTTI VOI E ALLE VOSTRE FAMIGLIE

UN SERENO E FELICE SANTO NATALE

COMMEMORAZIONE VITTIME DEL DOVERE

13 aprile 2018
ATTUALITA'

COMMEMORAZIONE VITTIME DEL DOVERE

L'ASSOCIAZIONE A.F.E.A. FAMIGLIE ESPOSTI AMIANTO ONLUS

DI "MARIO BARBIERI"

IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE "VITTIME DELL'AMIANTO"

ALLE ORE 15.00 A LA SPEZIA AL MONUMENTO AI CADUTI DEL REGIO CACCIA

TORPEDINIERE ALPINO,  VERRA'  DEPOSTA UNA CORONA

IN ONORE E IN MEMORIA

DELLE VITTIME DEL DOVERE DECEDUTE A CAUSA DELL'AMIANTO.

 

"Il giorno 28 Aprile alle ore 15,00, presso il monumento ai Caduti del Regio Caccia Torpediniere ALPINO,

sito sul molo Italia

La Spezia, l'Associazione AFEA Onlus ONORERA' e RICORDERA' i CADUTI a causa dell'amianto,

VITTIME DEL DOVERE.

Verrà posta una corona commemorativa in Loro Ricordo. Saranno letti i Loro nomi difronte a quel Mare

che tanto hanno amato e solcato.

Sarà data lettura della Preghiera del Marinaio. Esortiamo i Sigg. Soci e le Loro Famiglie ad intervenire"

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

IL PRESIDENTE NAZIONALE AFEA Onlus

Pietro Serarcangeli

PREMIO LETTERARIO "ALESSANDRO CARRISI" XI EDIZIONE

28 maggio 2015
ATTUALITA'

di A.N.S.I. SEZIONE DI TREPUZZI (LE)

Premio Letterario "Alessandro Carrisi" - XI edizione

 

 
EVENTO SU FACEBOOK:  https://www.facebook.com/events/910431945666702/
 

LA STORIA DEL REGIO SOMMERGIBILE AMMIRAGLIO MILLO

23 febbraio 2015
ATTUALITA'

UN PO DI STORIA RIPORTATA SUL SITO DEDICATO AL REGIO SOMMERGIBILE AMMIRAGLIO MILLO

http://www.sommergibilemillo.it/la-storia/
 

 
 

Breve storia del Regio Sommergibile Ammiraglio Millo
(pag. 1 del libro)

Dei 106 battelli italiani che andranno perduti, quasi tutti scomparendo nelle profondità degli abissi nel corso della seconda guerra mondiale, il Millo sarà il quarantesimo a non rientrare alla base.
Nella volontà di contribuire a strappare all’oblio della memoria un frammento della nostra recente storia viene presentata una sintetica ricostruzione documentata di quella che fu la breve vita del sommergibile oceanico Ammiraglio Millo.
I dati essenziali della sua attività operativa possono essere così sintetizzati: varato il 31 agosto 1940 a Monfalcone, entrerà in servizio il 1 maggio 1941 e in quello operativo il successivo 14 settembre. Nei suoi 162 giorni operativi effettuerà 6 missioni offensivo-esplorative, 4 per trasporto materiali in Africa settentrionale e altrettante di trasferimento tra porti nazionali. Percorrerà 8.045 miglia in superficie e 532 in immersione.
Faceva parte di una classe di 4 unità delle quali solo una, l’Ammiraglio Cagni, sopravviverà al conflitto.

Quando il Millo partirà per l’ultima missione, il Caracciolo e il Saint Bon giacevano nel fondo degli abissi. Anche nelle intenzioni dell’Alto Comando Marina (= Supermarina) quella missione doveva essere l’ultima che il Millo avrebbe dovuto compiere in Mediterraneo. Infatti, nel promemoria n. 6 del 13 febbraio 1942 Supermarina aveva deciso che, in considerazione della mutata situazione in Africa settentrionale e nel Pacifico, era giunto il momento di venire incontro alla richiesta giapponese di poter avere alcuni sommergibili italiani e tedeschi in quelle acque. Per questo Supermarina aveva destinato a quel fronte le ultime due unità rimaste della classe Ammiragli, appunto il Millo e il Cagni.
L’urgenza del prendere una decisione e i previsti almeno quattro mesi necessari per le modifiche d’apportare alle due unità, rendevano di fatto l’ultima missione del Millo veramente tale e purtroppo lo fu, anche se in un senso totalmente diverso da quello desiderato da Supermarina.
(E. Bagnasco, In guerra sul mare, Albertelli 2005, pag. 177)

millo-monfalcone

il Millo in navigazione davanti a Pola

Millo800

il Millo all’ormeggio in Nordafrica

mappa-ionio
Il grande sommergibile oceanico stava rientrando da una missione di agguato nei pressi di Malta e navigava in superficie lungo le rotte di sicurezza, nel tratto di mare antistante Punta Stilo, a circa 2 miglia dalla spiaggia di Monasterace.
Verso le 13,30 del 14 marzo 1942, un sommergibile inglese in agguato poco distante, il P34 Ultimatum, lanciò quattro siluri contro il Millo, due dei quali centrarono il bersaglio, uno a prua, l’altro al centro dello scafo, causandone il rapido affondamento.
Per gli uomini che si trovavano sotto coperta non ci fu scampo. Gli altri, che stavano in torretta, furono scaraventati in mare e alcuni di loro vennero in seguito tratti in salvo dal sommergibile attaccante.

In totale i sommergibilisti dispersi furono 56.
I naufraghi salvati e catturati dal sommergibile inglese furono 14.
Un solo marinaio fu recuperato da mezzi di salvataggio e riportato a terra.

hms_ultimatum

il sommergibile inglese P34 Ultimatum

costa-calabra

la costa di Punta Stilo dove è avvenuto l’affondamento

Il resoconto degli avvenimenti visti dalla Stazione di segnalazione di Monasterace (RC) è contenuto nella seguente relazione (estratto dalle Notizie sulla perdita del Regio Sommergibile Millo, pag. 156 del libro):

Stazione di segnalazione Monasterace (RC) al Comando Marina segnalazioni Messina:
In data 14 corr. alle ore 12,35 questa S.S. avvistava un sommergibile nazionale di tipo oceanico che passava al traverso alle 13,15 gradi 92° con rotta NE a miglia 2 circa.
Alle 13,22 si udivano due detonazioni simultanee e nel contempo si vedeva il sommergibile colpito da siluro al centro dal lato mare, spaccato in due inabissarsi sollevando una grossa colonna d’acqua, all’altezza della fiumara Vincerello a circa 3 mgl dalla costa. Alle 13,23 si chiamava con insistenza sia Capo Spartivento Semaforo sia il treno armato di Rocella per informarli del sinistro con il papa n° 497. Ma per forte dispersione sul circuito 401 RM che purtuttavia aveva funzionato alle 12,15, detto papa non fu possibile inoltrarlo che alle ore 13,45, tramite S.V. di Stalletti. Alle 13,26 un sommergibile presunto inglese, senza bandiera, dipinto di nero, di un tipo mancante nell’album profili navi da guerra inglesi, però avvicinantesi al tipo Sturgeon, emergeva lanciando 2 siluri contro il ponte ferroviario della fiumara Vincerello, di cui uno scoppiava a poca distanza dall’altro. Una grossa scheggia di quello scoppiato veniva recuperata dai soldati del 20° Sq.ne Lancieri Aosta, l’altro inesploso rimaneva sulla spiaggia a 40 m. dalla riva e a circa 250 m. dal ponte ferroviario all’altezza del Km. 337.
Alle ore 13,29 visto che non si riusciva a comunicare col telegrafo, si dava particolareggiate notizie della situazione al CRN di Locri affinché a sua volta avvisasse l’Uff. Operazioni e il Capo Settore Comunicazioni di Messina e il treno armato di Roccella.
Alle 13,45 si presentava a questo posto il Ten. Col. del 358° Battaglione Costiero di Monasterace per chiarimenti e accordi sul salvataggio del naufrago, che veniva iniziato alle 14,08, dopo l’immersione del sommergibile nemico, con l’unica barca disponibile in Monasterace.
Questo posto continuava a scrutare costantemente il mare col cannocchiale per seguire il recupero del naufrago.

 

PER GENTILE CONCESSIONE DEL WEB MASTER ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ARTICOLI E FOTO RIPORTATI SUL SITO http://www.sommergibilemillo.it/

AUGURI

19 dicembre 2014
ATTUALITA'
 
 
da Raimondo Barrera
Da facebook:  https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10205504710646645&set=gm.1541127796134459&type=1&theater

10 GIUGNO GIORNATA DELLA MARINA MILITARE

7 giugno 2014
ATTUALITA'

10 GIUGNO

GIORNATA DELLA MARINA MILITARE

 

10 giugno, giornata della Marina Militare. Puoi seguirla in diretta streaming 

6 giugno 2014 
 

Segui la #GiornataMarina in diretta streaming e su Twitter: @ItalianNavy

Martedì 10 giugno, a partire dalle 11.00, a Palazzo Marina (Roma) si celebra la giornata della Marina Militare.

L'istituzione della giornata dedicata alla Marina Militare risale al 13 marzo 1939 ed è dedicata a una delle più significative e ardite azioni compiute sul mare durante la 1ª Guerra Mondiale: l’impresa di Premuda del 10 giugno 1918, quando il Comandante Luigi Rizzo e il Guardiamarina Giuseppe Aonzo, al comando dei “MAS 15” e “MAS 21”, attaccarono una formazione navale austriaca nelle acque antistanti Premuda (costa dalmata), provocando l'affondamento della corazzata "Santo Stefano”.

Quest’anno, ricorre il centenario della Grande Guerra, durante la quale la Marina Militare si è distinta e ha dato il suo contributo sia nel campo dell’Aviazione Navale, che nella guerra silenziosa combattuta dai sommergibili in Adriatico.

Se vuoi condividere i tuoi auguri, posta su Facebook, o Twitta, con hashtag #GiornataMarina.

Segui la diretta streaming sulla nostra Web Tv

 

dal sito ufficiale della Marina Militare http://www.marina.difesa.it/Conosciamoci/Notizie/Pagine/20140606_giornata_marina.aspx

AUGURI DI BUONE FESTE

22 dicembre 2013
ATTUALITA'

Da Ponte di Comando

Che i nostri più cari auguri di un sereno e felice Santo Natale giungano nelle vostre case, a voi ed alle vostre famiglie.
Auguri da Ponte di Comando!

www.pontedicomando.com

SOLIDARIETA' AI FUCILIERI DI MARINA

3 dicembre 2013
ATTUALITA'

RIPRENDIAMO I NOSTRI FRATELLI MARO'

di Giuliano Mazariol.
Giuliano Mazariol nato nel 1967 a Maniago (Pn), paese noto nel mondo per essere la Città del coltello, da famiglia umile ed onesta, ho studiato e conseguito il Diploma di Tecnico  elettronico, dopodiché, da circa 26 anni sono un impiegato statale con la passione delle arti marziali e della scrittura.
Ho scritto e visto pubblicati due libri: il primo "I portici del cuore", un libro di liriche e poesie, edito dal gruppo editoriale Il Filo albatros e il secondo libro di narrativa "Vite Sussurrate", edito da Montag editore.
Sono in procinto di terminare la mia terza fatica.
Adoro dipingere.
 
 
"Riprendiamo i nostri fratelli Marò", così recita un testo di Giuliano Mazzariol,  pubblicato su facebook uno dei piu' conosciuti Social Netwok e frequentati da gente di ogni età e diversa estrazione sociale, cosi verrebbe voglia di fare, andare a riprenderceli.
 
Dal lontano 17 febbraio 2012 giorno in cui rimasero uccisi 2 pescatori indiani, vari gruppi sono nati a sostegno dei nostri due Fucilieri della Brigata Marina San Marco.
Tantissima gente comune e tantissime sono state le manifestazioni organizzate per far sentire ai nostri militari la vicinanza e il supporto in questa triste vicenda che li vede coinvolti. Ancora oggi  non si vede una via di uscita. Continui rimpalli e dichiarazioni di entrambi i governi circa la loro colpevolezza o innoncenza, pronunciamenti di tribunali indiani (tra cui l'Alta Corte del kerala), e altrettante preoccupanti dichiarazioni sulla stampa indiana circa i seri rischi che i nostri militari potrebbero incontrare in uno stato dove, e' in vigore la pena di morte.
Mai come in questi ultimi mesi mi sono chiesto se  come nazione noi oggi, siamo in grado di garantire ai nostri militari mandati in missione in vari teatri operativi, le dovute garanzie di tutela attribuibili alla funzione che essi svolgono.
Con che motivazioni vengono spinti ad operare i nostri militari senza una completa tutela?
Molti interrogativi e dubbi a cui non abbiamo risposta.
 
Fossero stati militari di altre nazioni a quest'ora non sarebbero ancora li'.
La nostra Patria li ha dimenticati?
Noi sicuramente no, noi non li lasceremo mai soli,
non faremo mai mancare il nostro sostegno e la nostra solidarietà.
 
 
 
 

LA MESSA IN SICUREZZA DELLA COSTA CONCORDIA

14 maggio 2013
ATTUALITA'
 

BRINDISI

17 aprile 2013
ATTUALITA'

BRINDISI PER I SUOI MARO'

SABATO 27 APRILE ORE 18,00 IN PIAZZA VITTORIA


PER RIBADIRE IL SUPPORTO DELLA CITTA'

AI SUOI FUCILIERI INGIUSTAMENTE TRATTENUTI IN INDIA

 
 
 

Il Gruppo Nazionale Leone di San Marco e l’Amministrazione Comunale di Brindisi, scendono in piazza per ribadire il sostegno della città, sede della Brigata Marina San Marco, ai Fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, trattenuti ingiustamente in India da 15 mesi. L’appuntamento è per sabato 27 aprile alle ore 18.00 in piazza Vittoria. Un gesto di vicinanza a due giovani militari protagonisti, loro malgrado, di una vicenda contorta. Massimiliano e Salvatore, sono pugliesi e sono militari del reparto d’èlite della Marina Militare, ospitato da 40 anni a Brindisi. La cittadinanza è invitata a partecipare affinché i due militari e le loro famiglie non si sentano abbandonati.

 

FINALMENTE A CASA DEFINITIVAMENTE

12 marzo 2013
ATTUALITA'

FINALMENTE A CASA IN MANIERA DEFINITIVA I NOSTRI DUE FUCILIERI DI MARINA MASSIMILIANO LA TORRE E SALVATORE GIRONE.

foto dal gruppo su facebook "LE FAMIGLIE DEI MARO'' - https://www.facebook.com/groups/le.famiglie.dei.maro/
 
 
IL NOSTRO MINISTERO DEGLI ESTERI TRAMITE IL NOSTRO AMBASCIATORE A NEW DELHI DANIELE MANCINI,  HA COMUNICATO CON UNA NOTA CHE TRA IL GOVERNO ITALIANO E L'INDIA SUSSISTA UNA CONTROVERSIA PER IL NON RISPETTO DELLE REGOLE DELLA CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUL DIRITTO DEL MARE (UNCLOS DEL 1982).   E CHE PERTANTO,   PER TALE CONTROVERSIA,  E PER I PRINCIPI GENERALI DI DIRITTO INTERNAZIONALE I NOSTRI DUE FUCILIERI DI MARINA MASSIMILIANO LA TORRE E SALVATORE GIRONE AL TERMINE DELLA LICENZA  NON FARANNO PIU' RIENTRO IN INDIA,  IN ATTESA DELLA RISOLUZIONE DELLA CONTROVERSIA.  LE NOSTRE AUTORITA'  HANNO ESPRESSO ANCHE LA NOSTRA  DISPONIBILITA' PER RAGGIUNGERE AD  UN ACCORDO ANCHE ATTRAVERSO UN ARBITRATO INTERNAZIONALE O UNA RISOLUZIONE GIUDIZIARIA.
 
 
 notizie su: Comunicato stampa del Ministero degli Esteri : http://www.esteri.it/MAE/IT/Sala_Stampa/ArchivioNotizie/Comunicati/2013/03/20130311_Maro_restano_in_Italia.htm?LANG=IT

NON LASCIAMO SOLI I NOSTRI FUCILIERI

16 febbraio 2013
ATTUALITA'

NON  LASCIAMO SOLI I NOSTRI FUCILIERI

Dal sito ufficiale della Marina Militare  "NON LASCIAMO SOLI I NOSTRI FUCILIERI"
http://www.marina.difesa.it/Conosciamoci/Notizie/Pagine/20130215_fucilierianno.aspx

Trecentosessantasei: questi i giorni che i due fucilieri italiani del Reggimento San Marco, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, hanno trascorso in India. L’accusa è quella di avere ucciso due pescatori, il 15 febbraio 2012, scambiandoli per pirati, nell’esercizio della funzione di Nucleo Militare di Protezione (NMP) imbarcato sulla motonave mercantile Enrica Lexie.

Una vicenda caratterizzata da una lunga serie di eventi e rinvii giudiziali. Un anno impegnativo per i due sottufficiali ma anche per la Marina Militare, che non ha mai lasciato soli i suoi due professionisti e che continua a seguire da vicino l’evoluzione dell’incidente, non solo dal punto di vista diplomatico e processuale ma anche, e soprattutto, dal punto di vista della storia personale, attraverso il sostegno ai suoi uomini e alle loro famiglie.

Un sostegno amplificato da un’ondata di solidarietà che, ben presto, ha oltrepassato le mura di Palazzo Marina, manifestandosi attraverso iniziative spontanee di altre istituzioni ma soprattutto di colleghi, associazioni e cittadini privati.

 
 

AUGURI

20 dicembre 2012
ATTUALITA'
 
 

di Marino Miccoli
 

Allo stimato maresciallo Toma e a tutti gli amici del sito

PATRIA E ONORE
giungono con la originale cartolina allegata i miei più cordiali e
marinareschi auguri.


Marino Miccoli

 

COLONNELLO RUOLO D'ONORE CARLO CALCAGNI

15 dicembre 2017
ATTUALITA'

COLONNELLO RUOLO D'ONORE CARLO CARCAGNI

ATLETA PARALIMPICO DEL

Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa (GSPD)

ORA COMBATTE LA SUA QUOTIDIANA BATTAGLIA CON UN NEMICO TERRIBILE

L'URANIO IMPOVERITO

Colonnello Ruolo d'Onore dell'Esercito Italiano Carlo Carcagni Pilota e istruttore di elicotteri, impiegato in varie Missioni Internazionali e tantissimi missioni di vario genere sul suolo italiano.

 

foto dal sito internet: http://www.carlocalcagni.it/

 

foto all'Altare della Patria Roma il 2 giugno 2017

 

UN FILO MI TIENE LEGATO ALLA VITA… Sono un uomo... un soldato… un ufficiale che in una missione internazionale di "pace" ha incontrato un nemico terribile. Un nemico invisibile... un nemico subdolo ed efficiente: L’URANIO IMPOVERITO!
Ora LOTTO PER VIVERE. Mi alzo ogni mattina... spesso dopo notti insonni per i grandi dolori… con un unico scopo: essere di esempio… e trovare le energie per salire sulla mia bici... La mia macchina di salvezza. Concentro cuore... testa e gambe… e comincio a pedalare… Il dolore si attenua e io... vado più forte… la vita mi prende… la vita rientra in me... attraverso l’aria che pizzica… le gambe che si induriscono... e il cuore che batte forte! Ogni volta è sempre più difficile ma io NON MOLLO perché è proprio quando il gioco si fa duro... che i duri iniziano a giocare!

 

foto e scritto da facebook per gentile concessione alla pubblicazione

del Cololonnello Carlo Calcagni.

https://www.facebook.com/colonnellocalcagni/posts/1999895610254909

 

Quando sono con te,
il tempo si ferma,
il cuore batte più forte,
il mio corpo si risveglia
e tutto prende VITA.

Sebbene non sento,
né mani, né braccia, né gambe,
sono proprio loro
che mi portano a vedere
nuovi orizzonti.

FORZA, CORAGGIO e FOLLIA
completano l'opera 
e mi permettono di superare
tutti gli ostacoli
e tutti i limiti
imposti da un nemico invisibile.

Io sono la prova "VIVENTE"
e la dimostrazione
che i LIMITI sono 
soltanto MENTALI:
perché tutto è POSSIBILE 
SE NON TI ARRENDI.

 

RADUNO EQUIPAGGI NAVE DUILIO

28 maggio 2015
ATTUALITA'
 

5° RADUNO EQUIPAGGI INCROCIATORE CAIO DUILIO

SABATO 30 MAGGIO 2015

 
Foto dell'Evento su facebook:  https://www.facebook.com/events/854991484545984/
 

Foto dal post di Don Gino Delogu in 5° Raduno Equipaggi Incrociatore Caio Duilio

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10203370206082208&set=gm.855001504544982&type=1&theater
 

L'ULTIMO MARINAIO DEL REGIO SOMMERGIBILE MILLO SALPA NEL MARE DEI CIELI

23 febbraio 2015
ATTUALITA'

L'ULTIMO MARINAIO DEL REGIO SOMMERGIBILE AMMIRAGLIO MILLO E SALPATO PER L'ULTIMA MISSIONE

 

OTTORINO FRANCHI, CLASSE 1919, ELETTRICISTA DEL REGIO SOMMERGIBILE  AMMIRAGLIO MILLO HA RAGGIUNTO I SUOI COMPAGNI NEL MARE DEI CIELI.

 
 
Ottorino negli anni della Regia Marina
 
 
L'incontro con Ottorino a Rosignano
 
IL SITO DEDICATO AL REGIO SOMMERGIBILE AMMIRAGLIO MILLO
RIPORTA  QUESTO ARTICOLO ALL'ULTIMO MARINAIO CHE ERA ANCORA IN VITA:

Oggi è un giorno triste per noi.
Questo pomeriggio, intorno alle 16.30, se n’è andato Ottorino Franchi, classe 1919, Elettricista del Regio Sommergibile Ammiraglio Millo.
L’ultimo marinaio del Millo.
Adesso ci piace immaginare quel vecchio “toscanaccio” mentre sta per raggiungere il Paradiso dei Marinai.
Con un sorriso un pò malandrino sul viso, andrà incontro agli indimenticati compagni che lo stavano aspettando.

 

Un caro ricordO ci legherà per sempre al vecchio, caro Ottorino. Il primo incontro con uno dei due sopravvissuti all’affondamento del Millo che abbiamo avuto l’onore di conoscere.
Era l’estate del 2007. Quel giorno Ottorino ci accolse con un forte abbraccio fraterno nella sua abitazione di Rosignano Solvay, vicino a Livorno. All’occhiello della sua giacca grigia esponeva con orgoglio di marinaio l’antico distintivo dei sommergibilisti della Regia Marina.


 

In poco tempo, come se proprio il tempo si fosse fermato, un fiume di ricordi di quegli anni di guerra ci sommerse. Riemergevano dal passato i nomi dei compagni, le storie di quando, ragazzo di poco più di vent’anni, si era arruolato nella Regia Marina. Soprattutto Ottorino ci ha aiutato a ricostruire nei dettagli le drammatiche fasi dell’affondamento del battello, quel lontano 14 marzo 1942, nelle acque di Punta Stilo.

Aveva quasi novant’anni, Ottorino, il giorno del nostro incontro a Rosignano. Era l’ultimo legame diretto che mi riconduceva in qualche modo a mio padre Nazareno. Erano insieme sul Millo, qual maledetto 14 marzo! A volte faceva una pausa, Ottorino. Si emozionava, quando la sua mente frugava tra i ricordi. Ma la sua voce era forte, i suoi occhi rispecchiavano la luce di un tempo, i suoi ricordi scaturivano dai meandri del passato come se fossero stati custoditi con cura e fossero in attesa di essere tirati fuori e raccontati. Tramandati come qualcosa di molto prezioso, che non si può, non si deve disperdere, consegnare all’oblio.

 
 

Ti siamo grati, caro Ottorino, per averci raccontato quei frammenti tragici della tua vita. Quei momenti di guerra, in cui il tuo destino è stato profondamente legato a quello dei tuoi compagni del Millo. Li hai visti scomparire tra le onde di Punta Stilo. Hai pianto per loro e ce li hai voluti ricordare. I ragazzi del Millo.
Oggi, finalmente, sei ritornato da loro e si è ricostituito l’equipaggio del vostro sommergibile.
Rimanevi soltanto tu.
Adesso il Comandante potrà finalmente riprendere la navigazione interrotta quel giorno.

Ciao, Ottorino!

 

Autori dell’articolo:
Francesco e Nazareno Storani

 

UN RINGRAZIAMENTO AL WEBMASTER DEL SITO http://www.sommergibilemillo.it/ CHE HA CONCESSO LA PUBBLICAZIONE DELL'ARTICOLO E LE FOTO DEDICATE ALL'ULTIMO MARINAIO DEL MILLO http://www.sommergibilemillo.it/ottorino-franchi-lultimo-marinaio-del-millo/.

MI PIACE TRASCRIVERE LE PAROLE CHE HO RICEVUTO VIA POSTA ELETTRONICA:

Buongiorno sig. Toma,
volentieri diamo il nostro consenso alla pubblicazione del nostro articolo dedicato alla scomparsa del marinaio Ottorino Franchi (classe 1919) su vs. sito e pagina FB:
http://www.sommergibilemillo.it/ottorino-franchi-lultimo-marinaio-del-millo/

E' nostro dovere raccontare la storia di quegli uomini che hanno combattuto e sacrificato la propria vita per un ideale che si chiama PATRIA.
Anche il vecchio Ottorino avrà raggiunto i cari, indimenticati compagni del Millo nel Paradiso dei Marinai ...

Onori a loro!

Un caro saluto a tutti i Marinai

Francesco e Nazareno Storani
Regio Sommergibile Ammiraglio Millo
www.sommergibilemillo.it

 

MUSICA PER LA VITA - CONCERTO DELLA BANDA MUSICALE DELLA MARINA MILITARE

23 novembre 2014
ATTUALITA'
Da facebook https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10203323909522589&set=a.10201135842782288.1073741826.1356063993&type=1&theater

AUGURI PER UNA SANTA PASQUA 2014

17 aprile 2014
ATTUALITA'

GLI AUGURI DELL'AMICO MARINO MICCOLI

PER TUTTI GLI AMICI

DEL SITO "PATRIA E ONORE"

 
Di Marino Miccoli
 
 
A te, carissimo Fernando Antonio e a tutti gli amici del sito "Patria e onore"
con la cartolina allegata giungono i miei più cordiali auguri di buona e santa Pasqua,
ovviamente senza dimenticarci dei nostri due Leoni del San Marco MAX e SALVO.

Marino Miccoli

AUGURI DI BUONE FESTE

21 dicembre 2013
ATTUALITA'

AUGURI DI BUONE FESTE

DALLA PAGINA "FAN DI MARINA MILITARE" su facebook

https://www.facebook.com/pages/Fan-di-Marina-Militare/195585317123642
 

Pagina dedicata alla Marina Militare con continui aggiornamenti sulla nostra Forza Armata, Corpi e specialità.

Notizie sull'Associazione Nazionale Marinai d'Italia e attività dei gruppi A.N.M.I.

COMMEMORAZIONE SCOMPARSA S.M. LA REGINA ELENA

9 novembre 2013
ATTUALITA'

DOMENICA 24 NOVEMBRE 2013

COMMEMORAZIONE DEL 61° ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA

DI S.M. LA REGINA ELENA

Evento creato su facebook da Angelo Barbuscia https://www.facebook.com/events/206001752901341/?ref_newsfeed_story_type=regular
 

Commemorazione patriottico-religiosa a Messina in Largo Seggiola (pressi Cinema Lux) di fronte al monumento dedicato all'ex-sovrana. Manifestazione giunta alla quarta edizione.
La Commemorazione del 61° anniversario della scomparsa di S.M. la Regina Elena vuole essere un'atto di ringraziamento e di profonda gratitudine da parte di tutti i messinesi nei confronti dell'ex-sovrana per la generosità e l'opera di soccorso prestata dopo il devastante terremoto di Messina del 1908.
Non è un evento politico e inoltre l'iniziativa ha anche un carattere religioso.
Dal 2001 il vescovo di Montpellier ha avviato la fase diocesana del suo processo di canonizzazione in riconoscimento alla sua grande fede e alle attività benefiche da lei sostenute.
Siete tutti invitati a partecipare.

PROGRAMMA:

- ore 09.00, preparativi e addobbi della piazza;
- ore 10.00, raduno dei partecipanti;
- ore 11.00, deposizione di fiori;
- ore 12.00, riflessione e preghiera religiosa;
- ore 13.00, fine commemorazione.

 
 
L'Evento è riportato nella sezione "eventi" del sito ufficiale dell'Istituto Nazionale per la Guardia d'Onore alle Reali Tombe del Pantheon, si veda al seguente indirizzo http://www.guardiadonorealpantheon.it/ e cliccare su eventi.

INCIDENTE NEL PORTO DI GENOVA 07 MAGGIO 2013

11 maggio 2013
ATTUALITA'

MARINA MILITARE - CORPO DELLE CAPITANERIE DI PORTO/GUARDIA COSTIERA

INCIDENTE NEL PORTO DI GENOVA IL 7 MAGGIO 2013

 
foto dal sito ufficiale della Marina Militare
     http://www.marina.difesa.it/conosciamoci/notizie/Pagine/20130508_portogenova.aspx
 

Lutto per la Marina Militare 

title_bottom
8 maggio 2013 12.45
 
La Marina Militare partecipa al dolore delle famiglie, per le vittime dell'incidente avvenuto alle 23 di ieri, nel Porto di Genova.
 
 
foto su facebook
 
 
 
dal sito ufficiale della Guardia Costiera http://www.guardiacostiera.it/
La Guardia Costiera si stringe in un abbraccio alle famiglie dei colleghi tragicamente scomparsi nel crollo della Torre di Controllo di Genova. Proseguono le ricerche del Sergente Gianni Iacoviello.
Una tragedia che ha profondamente colpito tutto il Corpo delle Capitanerie di porto, ma anche in un momento di grande dolore non si può far venir meno il proprio impegno e operato, essenziale per la sicurezza della navigazione.
Nel grave incidente, oltre a tre operatori portuali, hanno perso la vita i colleghi Capo 1^ cl Francesco Cetrola, Capo 1^ cl Marco De Candussio, il Sottocapo di 1^ cl Davide Morella, il Sottocapo di 2^ cl Giuseppe Tusa e il Sottocapo di 3^ cl Daniele Fratantonio e sono rimasti feriti il Tenente di Vascello Enea Pecchi, i Sottocapi di 1^ cl Raffaele Chiarlone e Giorgio Meo e il Sottocapo di 2^ cl Gabriele Russo.

ROSA E GLI ANGELI DEL SORRISO

30 marzo 2013
ATTUALITA'

IL 3 MARZO 1977 ACCADDE

3 marzo 2013
ATTUALITA'

IL 3 MARZO 1977 ACCADDE

Il Monumento ai caduti dell' Hercules C-130  "Vega 10" chiamato  "Il Faro"
 
Sito ufficiale della Marina Militare http://www.marina.difesa.it/conosciamoci/notizie/Pagine/20110303_mserra.aspx
 
 

Il 3 marzo 1977 trentotto allievi dell'Accademia Navale appartenenti al corpo dello Stato Maggiore della Prima Classe, accompagnati dal sottotenente di vascello Emilio Attramini, si recarono all’aeroporto di Pisa per effettuare un volo di ambientamento su un quadrimotore da trasporto Lockheed C 130  “Herkules” della 46a Aerobrigata. Quella che avrebbe dovuto essere una giornata di addestramento si trasformò invece nel più grave lutto che abbia mai colpito l’Istituto nei quasi 130 anni della sua storia.

Il velivolo, poco dopo il decollo, si schiantò sulle pendici del vicino Monte Serra causando la morte di tutto il personale che si trovava a bordo, compresi i cinque uomini dell’equipaggio. I funerali si svolsero il 5 marzo in forma solenne nel Piazzale del Brigantino all’interno dell’Accademia alla presenza del Sig. Presidente della Repubblica Giovanni Leone e di numerose altre autorità civili, militari e religiose. Il grave lutto colpì profondamente la Marina Militare, l'intero Paese e la città Livorno che ha sempre considerato l'Istituto la "sua" Accademia. Per questo nel corso del tempo, non sono mai mancate iniziative atte a mantenere vivo il ricordo di quella sciagura.

I compagni degli allievi scomparsi nell'estate del 1977, al termine della Campagna Addestrativa a bordo della Nave Scuola Amerigo Vespucci, per ricordare la tragedia che aveva colpito il loro Corso, strapparono il lembo inferiore della loro bandiera e scelsero, come nome del loro corso quello di Invicti. Come ulteriore, ma non ultimo gesto di commemorazione, il 4 dicembre 1977, al giuramento della nuova prima classe, il corso Invicti ha sfilato lasciando nei ranghi i posti che i loro compagni avrebbero dovuto idealmente occupare in quell'occasione, facendoli così in qualche modo ritornare in mezzo a loro. Da allora ogni anno si tiene una cerimonia sul luogo dove avvenne il disastro aereo.

LA MARINA MILITARE RICORDA I CADUTI DEL SOMMERGIBILE MALACHITE

9 febbraio 2013
ATTUALITA'

9 FEBBRAIO DEL 1943

LA MARINA MILITARE RICORDA I CADUTI DEL SOMMERGIBILE "MALACHITE"

dal sito ufficiale della Marina Militare: http://www.marina.difesa.it/Conosciamoci/Notizie/Pagine/20130208_malachite.aspx
 
Settanta: tanti sono gli anni passati dal tragico affondamento del Sommergibile Malachite, colpito “al cuore” alle ore 11,00 del 9 febbraio 1943, dal sommergibile olandese Dolfijn, di ritorno da una missione sulle coste algerine che aveva lo scopo di trasportare undici incursori del Battaglione San Marco, con lo scopo di conquistare il ponte ferroviario di El Kejur.

La Marina Militare ricorda i suoi 35 marinai, inabissati con il sommergibile, in una cerimonia che avrà luogo domani, di fronte alla costa di Cagliari, davanti a Capo Spartivento, considerato per la Forza Armata, uno dei suoi “santuari”. Solo 8 membri dell’equipaggio si salvarono dal siluramento del Malachite che giace, da allora, a 124 metri di profondità.

PALAZZO MARINA

5 dicembre 2012
ATTUALITA'

PALAZZO MARINA

SEDE DEL MINISTERO DELLA DIFESA MARINA MILITARE

 

Palazzo Marina, sede della Marina Militare apre al pubblico nella giornata della trasparenza

Venerdì 7 dicembre Palazzo Marina aprirà al pubblico dalle 9:00 alle 18:00.

La visita gratuita, rientra nella Giornata della trasparenza, valutazione e merito; un’iniziativa adottata dal Ministero della Difesa nell’ambito del programma triennale, previsto dal decreto legislativo n. 150 del 2009, per la trasparenza, l’integrità e l’accessibilità delle informazioni concernenti la Pubblica amministrazione.
Il Programma ha lo scopo di avvicinare di più i cittadini alle istituzioni, garantendo il giusto rapporto tra le amministrazioni e la collettività.

Il visitatore di Palazzo Marina, oltre  ad avere l’occasione di ammirare dall’interno l’architettura dell’edificio e la storica biblioteca, potrà seguire, tramite un percorso guidato fatto d’immagini, modelli di navi, uniformi e cimeli, la storia della nostra Marina Militare.
Progettato dall’architetto Giulio Magni, nipote del Valadier, è un imponente edificio ispirato al neo barocco che si estende per trentunomila metri quadrati di cui più di undicimila coperti. L’ingresso sul lungotevere è arricchito da due ancore appartenute alla Viribus Unitis e alla Tegetthoff, corazzate austriache gemelle della prima guerra mondiale.

La costruzione di Palazzo Marina, iniziata nel 1912 e la cui inaugurazione si ha nell’ottobre del 1928, rientrava nell’ampliamento dei programmi navali dell’allora ministro della Marina ammiraglio Paolo Thaon di Revel. Nelle sale riunioni del nuovo edificio si progettavano la nascita di una nuova flotta navale e la creazione di un futuro e moderno gruppo da battaglia.
Oggi Palazzo Marina è la sede principale dello Stato maggiore della Marina, degli uffici centrali della Forza armata e del Ministero della Difesa.

 

Notizia da  Newsletter Marina Militare n. 33 anno 2012

 
-----------
 
SITO UFFICIALE DELLA MARINA MILITARE : http://www.marina.difesa.it/Pagine/default.aspx

 

 

RICORRENZE - FESTIVITA'

 
 
  • 24 dicembre  Vigilia del Santo Natale
  • 25 dicembre Nativita' del Signore  con la Sacra Famiglia
  • 26 S. Stefano

Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy